Poltrona Lady Chair – 1951

La poltrona Lady di Marco Zanuso per Arflex è ora un simbolo del Design Italiano degli anni Cinquanta, ma all’epoca costituì una vera e propria rivoluzione sotto vari punti di vista.

VISTA INTERATTIVA 360(Clicca e Trascina il Mouse sulla figura)

Scarica il modello 3D di Lady Chair

Piccolo capolavoro del made in Italy, Lady fu premiata con la Medaglia d’Oro alla IX Triennale di Milano del 1951, ottenendo l’immediato consenso della critica e il grande successo tra il pubblico.

La poltrona Lady fu il frutto di un’importante innovazione tecnico/matericagommapiuma e molleggio con nastrocord insieme – che, capovolgendo il sistema tradizionale di lavorazione degli imbottiti, prevedeva una realizzazione separata delle parti e il loro successivo assemblaggio.

Riferimento testo: http://www.living.corriere.it

Poltrona Lady
Poltrona Lady

Riferimento immagine: http://www.cassina.it

Con quali materiali è stata realizzata?

Il materiale è la gommapiuma, allora sperimentale, che sostituisce il tradizionale rivestimento a molle; la gommapiuma è poi sorretta da nastri elastici a loro volta sostenuti da uno scheletro in legno.
Anche i nastri elastici negli anni Cinquanta costituivano una piccola rivoluzione: erano in Nastrocord, brevettato nel 1948  da Carlo Barassi, uno dei fondatori di Arflex.

La struttura  è in metallo rivestita in poliuretano espanso flessibile schiumato in stampo. I braccioli sono in legno massello rivestito in poliuretano espanso indeformabile a densità differenziate e fodera in fibra, mentre le gambe in metallo verniciato color alluminio. Non è sfoderabile.

Riferimento testo: http://www.pansiniarredamenti.it

Struttura interna della poltrona Lady
Struttura interna della poltrona Lady

Riferimento immagine: http://www.milanofree.it

Poltrona Lady
Poltrona Lady

Riferimento immagine: http://www.pansiniarredamenti.it

Per ulteriori riferimenti visitare: http://www.jbdesign.it/idesignpro