Primo Stile Pompeiano ( 200 a.C. )

Nel Primo Stile Pompeiano, gli artisti si ispirano al marmo o alle pietre preziose, utilizzando colori audaci per suggerire ricchezza e importanza.

Museo di Calatayud Cubiculum romano del 50 a.C.
Museo di Calatayud – Cubiculum romano del 50 a.C. – Da Bilbilis, Insula I, Domus 2, Aragona, Spagna. Ricostruzione di un affresco in Primo Stile Pompeiano.
Fonte immagine: https://en.wikipedia.org/wiki/Bilbilis_(Augusta_Bilbilis)#/media/File:Calatayud_-_Museo_de_Calatayud_-_Cubiculo.jpg

La pittura come illusione

Il Primo Stile, anch’esso strutturale o murario, è caratterizzato dalla simulazione di rivestimenti marmorei, con altri elementi ripresi da altre culture come dischi di alabastro a linee verticali, travi “lignee” in giallo, “pilastri” e “cornici” in bianco. Fa uso di colori vivaci, che erano considerati un segno di ricchezza.

Affresco murale Atteone nella Casa di Menandro nel Primo Stile Pompeiano
Affresco murale in situ raffigurante il mito di Atteone nella Casa di Menandro, Pompei
Fonte immagine: https://search.creativecommons.org/photos/6ab0bce0-504a-4105-9c48-796361a3f9b0 di Following Hadrian 

Questo Stile serviva a dividere le pareti in diversi moduli, sostituendo così le pietre lavorate, molto più costose. Il Primo Stile veniva utilizzato anche per creare fusioni con altre realizzazioni artistiche, per decorare le parti inferiori delle pareti che non erano importanti come quelle superiori. L’immagine qui sotto è una replica di quella presente nei Palazzi Tolemaici, dove le pareti erano rese colorate da vere pietre di marmo.

Casa di Sallustio Pompei Primo Stile Pompeiano
La Casa di Sallustio – Pompei – decorazione residua del Primo Stile
Fonte immagine: https://en.wikipedia.org/wiki/House_of_Sallust#/media/File:Casa_di_Sallustio_1.JPG

Per creare l’illusione di un muro composto da blocchi, si applicava prima lo stucco e si davano le forme dei blocchi di pietra con pilastri e modanature. Gli artigiani usavano poi la pittura per coprire lo stucco in molti motivi colorati simili al marmo. Questi dipinti murali erano economicamente più accessibili, ma non erano considerati sostituti economici.  La creazione di questi dipinti richiedeva molte ore di duro lavoro.

Dalla Grecia a Roma

Questo stile si ispira ai Palazzi Tolemaici, dove le pareti erano incastonate con pietre vere e marmi. Venivano inoltre impiegati colori forti per richiamare i materiali preziosi, l’idea si basava su una simulazione dell’arte dei Regni Ellenistici tra la fine del IV e l’inizio del III secolo a.C. I Tolomei amavano il lusso in generale ed esprimevano questa passione attraverso lo stile greco nei loro magnifici e ricchi complessi.

Decorazioni qualità a prezzi contenuti

I romani comuni non potevano permettersi materiali costosi per migliorare l’aspetto delle pareti all’interno delle loro proprietà, quindi decoravano le loro case con imitazioni dipinte dei lussuosi marmi gialli, viola e rosa. I pittori avevano sviluppato una buona abilità nell’imitare i marmi e le lastre rettangolari venivano rese piuttosto bene sulle pareti tanto da sembrare marmorizzate e venate come i veri pezzi di pietra.

La Casa dei Sanniti, Ercolano affresco nel Primo Stile Pompeiano
La Casa dei Sanniti, Ercolano
Fonte immagine: https://search.creativecommons.org/photos/4bc89bae-09cd-4176-9d2c-0a21cce96e9c di ell brown 
Herculaneum - Cardo IV Inferiore - Casa di Nettuno e Anfitrite - mosaics
La Casa dei Sanniti, Ercolano – Cardo IV Inferiore – Casa di Nettuno e Anfitrite – Mosaici
Fonte immagine: https://search.creativecommons.org/photos/a33126fb-6262-49d4-bca7-4a1367d22c9c di ell brown 

Ottimi esempi del Primo Stile Pompeiano sono la Casa del Fauno e la Casa di Sallustio, luoghi che si possono visitare a Pompei. La Casa del Fauno, costruita nel II secolo a.C., rappresentava una delle più importanti tenute private di Pompei per i reperti artistici ritrovati al suo interno.

Casa del Fauno Pompei
Casa del Fauno, Pompei
Fonte immagine: https://search.creativecommons.org/photos/8cb09ac3-d8e6-4034-8b84-e64b04680a33 di kudumomo
Alexander the Great fighting at the battle of Issus against Darius III of Persia (Close Up)
Alessandro Magno combatte nella battaglia di Issus contro Dario III di Persia, Impero persiano (dettaglio)
Fonte immagine:https://search.creativecommons.org/photos/81ec0529-7eae-413e-8b44-611595cf33a5 di kudumomo 

Fonti:
https://depts.washington.edu/hrome/Authors/ninamil7/TheFourStylesofRomanWallPaintings/pub_zbarticle_view_printable.html
https://www.britannica.com/place/ancient-Egypt/Macedonian-and-Ptolemaic-Egypt-332-30-bce

Lascia un commento

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Detected!!!

We have detected that you are using extensions to block ads. Please support us by disabling these ads blocker.

Powered By
Best Wordpress Adblock Detecting Plugin | CHP Adblock