I quattro stili della pittura pompeiana

La storia delle pitture murali romane pagane è sopravvissuta al mondo classico romano e si fonda principalmente sugli affreschi dell’area di Pompei.

Classificazione

I quattro stili “Pompeiani” di decorazione murale pittorica, sono stati definiti dall’archeologo tedesco August Mau nel libro “Pompei, la sua vita e la sua arte”, alla fine del XIX secolo. La classificazione può essere fatta per stili e si riferisce propriamente alla parete decorata nel suo complesso. Quando si considerano i dipinti isolatamente, come spesso accade nei musei, la possibilità di assegnare uno stile specifico a un dipinto dipende da tre fattori: il design del dipinto, la data di realizzazione del dipinto e il tipo di decorazione che originariamente circondava il dipinto. Purtroppo gli esempi presenti nei musei sono stati rimossi dal loro contesto originale. Una classificazione dei quattro stili può essere fatta come segue:

Quattro stili pittura pompeiana
Rappresentazione dei quattro stili della pittura Pompeiana 
Fonte immagine: http://www.pompeiin.com/en/Painting_styles.html
  • Il Primo stile, detto anche stile strutturale, dell’incrostazione o a muratura, è caratterizzato dalla simulazione di rivestimenti marmorei, con altri elementi simulati come dischi di alabastro sospesi lungo linee verticali, travi “di legno” in giallo e “pilastri” e “cornici” in bianco. Si ricorreva anche al colore vivace, considerato un segno di ricchezza.
Affresco Villa Arianna a Stabia Campania
Affresco su un muro di Villa Arianna a Stabiae (oggi Castellamare di Stabia, in Campania)
Fonte immagine: https://search.creativecommons.org/photos/01aa7450-fa63-4989-b288-4dcfbe2f1331 di Mentnafunangann
Villa Arianna muro e affresco
Villa Arianna (Stabia)
Fonte immagine: https://search.creativecommons.org/photos/0990e22b-8fc5-4487-8f9d-28c927bcd4aa di Mentnafunangann
  • Nel Secondo stile detto architettura in prospettiva o stile architettonico le pareti erano decorate con elementi architettonici e composizioni “trompe l’oeil” (genere pittorico che “inganna l’occhio” dell’osservatore). Questa tecnica utilizzata già al tempo dei Romani consiste nell’evidenziare determinati elementi per far si che sembrino realtà tridimensionali. Gli elementi caratteristici di questo Secondo stile ricordano quelli del Primo stile, che inizia però ad essere sostituito, lentamente elemento per elemento. 
Cubiculum sala da letto Villa Fannius Synistor Boscoreale
Cubiculum (camera da letto) dalla Villa di P. Fannius Synistor a Boscoreale
Fonte immagine: https://search.creativecommons.org/photos/fbda81fd-9e09-4acc-ae1a-8ee58fb83e41
Cubiculum sala da letto Villa Fannius Synistor Boscoreale pittura muraria
Cubiculum (camera da letto) dalla Villa di P. Fannius Synistor a Boscoreale
Fonte immagine: https://search.creativecommons.org/photos/514cb6b7-bc35-41c2-b66b-451d29993311
  • Il Terzo stile detto stile ornamentale o parete reale è una reazione all’austerità del periodo precedente. È caratterizzato da una decorazione più figurativa e colorata, con un senso generale più decorativo, spesso presenta una grande finezza nell’esecuzione. Questo stile è tipicamente caratterizzato da un’eleganza semplicistica. Definito “stile fantastico”, è eterogeneo e incorpora elementi di tutti gli stili precedenti; può essere meglio descritto come una combinazione dei tre stili precedenti.
Villa de Popea (Oplontis)
Villa a Oplontis, (Villa de Popea (Oplontis) oggi Torre Annunziata vicino Napoli, in Campania.
Fonte immagine: https://search.creativecommons.org/photos/e7ae8e8b-4c42-4d83-bacc-c5c6f2af8702 di pablocabezos
Oplontis Hercules Ercole
Oplontis — Hercules, Villa a Oplontis
Fonte immagine: https://search.creativecommons.org/photos/19dd2679-499e-4496-97d6-58b6e05b8114 di Amphipolis 
  • Il Quarto Stile della pittura murale romana è generalmente meno ornato del precedente e si caratterizza come una reazione barocca al manierismo del Terzo Stile. Lo stile era molto più complesso, e riproponeva la pittura narrativa su larga scala e le vedute panoramiche, pur conservando i dettagli architettonici del Secondo e del Primo Stile
Affresco casa di Lucretius Pompei
Casa di Lucretius, Pompei
Fonte immagine: https://commons.wikimedia.org/wiki/File:Casa-Lucretius-Fronto-Pompeii.jpg

Dopo la pittura pompeiana

August Mau ci guida fino a Pompei e alle pitture che vi sono state trovate, ma che ne è della pittura romana dopo il 79 a.C.? I Romani continuarono a dipingere le loro case e la loro architettura monumentale, ma non esiste un Quinto o un Sesto Stile e la pittura romana successiva è stata definita un pastiche di quella precedente. Le Catacombe Cristiane forniscono un’eccellente documentazione della pittura della Tarda Antichità, combinando tecniche romane e soggetti cristiani in modi unici.

Catacombe di Priscilla
Catacombe di Priscilla a Roma – Probabilmente un’immagine di Maria che allatta il Bambino Gesù, anche tale ipotesi è contestata. 3° secolo, Catacombe di Priscilla
Fonte immagine: https://en.wikipedia.org/wiki/Catacomb_of_Priscilla#/media/File:Madonna_catacomb.jpg
Catacombe in Via Latina
Catacomba in Via Latina, a Roma
Fonte immagine: https://search.creativecommons.org/photos/2935b193-6c77-4ec4-a49f-b35a2f3a67da di rokorumora
Catacombe di Roma
Catacomba in Via Latina, a Roma
Fonte immagine: https://search.creativecommons.org/photos/1e4b2fb3-a03d-42e0-8005-4e8c3d4191ce di rokorumora 

Fonti:
http://www.art-and-archaeology.com/roman/painting.html
http://www.essential-humanities.net/western-art/painting/roman/
https://www.khanacademy.org/humanities/ancient-art-civilizations/roman/wall-painting/a/roman-wall-painting-styles

Visita anche: http://www.jbdesign.it/idesignpro

Lascia un commento

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Detected!!!

We have detected that you are using extensions to block ads. Please support us by disabling these ads blocker.

Powered By
Best Wordpress Adblock Detecting Plugin | CHP Adblock